Categoria: Eventi

I paladini della salute

Quando si parla di salute, siamo tutti paladini. Lo sono gli uomini di scienza, i sanitari, i politici, gli insegnanti, i genitori, tutti coloro che ricoprono cariche istituzionali. Tutti aspirano, anche con una certa onestà intellettuale, alla salvaguardia del bene supremo: peccato che nella babele attuale si parlino lingue diverse e ci sia poca disponibilità alla traduzione. Dare credito a qualcuno è diventato un affare complicato: dovremmo fidarci degli incorreggibili che anche di fronte a dati incoraggianti continuano imperterriti nella diffusione di messaggi precauzionali e allarmistici oppure di chi, assumendo una certa dose di rischio e comunque attenendosi alle disposizioni , ha provato a rimboccarsi le maniche e reagire? Senza alcun dubbio, in questi casi la scelta migliore è stata e resterà sempre quella di stare fermi. Stando fermi non si sbaglia mai. Scegliere di non scegliere è pur sempre una scelta. Come Ponzio Pilato ha insegnato, lasciare che siano altri a prendere decisioni di vitale importanza significa mettersi al riparo non solo da possibili ingiurie collettive ma anche da gravi provvedimenti a proprio carico. Tuttavia, la storia è piena di uomini e donne che, incuranti di popolarità e incolumità, hanno sfidato la comodità propria e di chi gli stava accanto per difendere i propri ideali. Essere adulti significa prendersi responsabilità: non ė un atto dissennato aver dato la possibilità a ragazzi e bambini, pur seguendo protocolli rigidi, di vivere momenti di spensieratezza e divertimento attraverso lo sport che amano. La storia ci ha dato ragione: nessuno di loro era o è in pericolo. Anzi: se proprio vogliamo metterla in termini di salute (che, ricordiamo, è un concetto ampio, che non riguarda solo la sfera biologica), quella dei ragazzi è certamente migliorata. Degli elogi facciamo volentieri a meno, ma una cosa va detta se non altro in onore di chi si è messo a disposizione fin da maggio per questa singolare avventura: abbiamo avuto il coraggio che altri non hanno avuto. A proposito: non aspetteremo che la FIP si accordi con il politecnico di Torino per giocare 5 contro 5 (anzi 4 contro 4 per ragioni di distanziamento). Sono sufficienti l’ordinanza regionale del governatore e le linee guida della conferenza delle Regioni e Province Autonome. Abbiamo aspettato abbastanza. E ci prendiamo tutte le responsabilità. 

Stavolta è troppo

Stavolta è troppo. Parliamo di salute? Bene, parliamone. Il Comitato Tecnico Scientifico non è il depositario della verità in materia di salute. C’è la possibilità di nuovi focolai di Covid 19 in giro per l’Italia? Possibile. Una cosa è certa: i bambini e gli adolescenti che non hanno potuto per mesi fare attività sportiva avranno dei danni sensibili alla salute, non solo fisica. Fa bene la Sicilia a tirare dritto sulla propria decisione di far partire gli sport di squadra: abbiamo considerato i pericoli del contagio – giustamente – ma non abbiamo mai affrontato seriamente le gravi conseguenze che l’inattività motoria produce, in particolare modo in soggetti in età evolutiva. Sono parecchi giorni consecutivi che anche in Friuli Venezia Giulia non si avvertono più contagi: sarebbe un atto di alta responsabilità da parte dei governatori regionali concedere ai nostri ragazzi  la possibilità, dopo mesi di blocco e al termine di un anno scolastico tribolato, di ritornare nei campetti e quantomeno riassaporare una parvenza di normalità. Vogliamo che i ragazzi passino il tempo libero sui congegni elettronici di cui oggi sono particolarmente dotati? Facciamolo. Consideriamo la sospensione di tutto ciò che appartiene all’area dell’aggregazione sportiva spontanea e organizzata come un male minore? Scelta rispettabile, ma, sia concesso, opinabile. Dopo una fase di contenimento, utile e necessaria, ora le priorità sono altre: prima fra tutte, la ricerca del benessere come equilibrio virtuoso tra sfera affettiva, motoria e mentale. E quale dispositivo migliore se non lo sport per aiutare gli adolescenti a ricomporre quell’unità andata in frantumi durante un tratto di vita caotico e, per certi versi, traumatico. Mi dispiace, stavolta non c’è allineamento. La preoccupazione, su qualcosa che non esiste, porta alla fobia. Se qualcosa tornerà ad esistere, ce ne preoccuperemo. A volte è necessario, come diceva Don Milani, fare disobbedienza. Che è una cosa diversa dall’irresponsabilità.

giusto un mese fa

È stata dura e impervia, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. Riaprire per dare ai bambini e ragazzi la gioia di riprendere in mano un pallone, di fare canestro, di rivedere i propri compagni di squadra. Ad un mese dall’ora X tutto appare più semplice e bello. Ricordo la concitazione dei primi incontri – rigorosamente virtuali – dove la mescolanza di entusiasmo e timore rendeva incerto il risultato. Alla fine ha prevalso il coraggio sulla pavidità. Perché di rischi ce ne siamo presi, considerando che gli utenti sono tutti in età minorile. Protocolli intransigenti, turni contingentati, orari rigidi che devono fare i conti con la disponibilità di istruttori e allenatori non professionisti e di utenti che non sono ancora usciti mentalmente e del tutto dalla fase di emergenza. È stata l’occasione prodiga per riscoprire la ricchezza dei campi all’aperto non solo come sfogo del gioco libero, ma anche come terreno ideale per apprendere la tecnica di gioco. La cornice dei campetti dell’Ex Fiera con le fronde alte e profumate dei tigli secolari ha accompagnato il suono inconfondibile dei palloni che rimbalzano per terra e lesionano i ferri (del resto dopo una fase lunga di inattività le retine dei canestri hanno potuto riposare di più). È stato come riprogrammare la stagione: turni tennistici, rapporto istruttore allievo 1:1, orari ridotti. Gli allenamenti individuali, così rari e agognati durante le stagioni regolari, sono diventati la norma. Ognuno ha potuto godere di un trattamento speciale e, soprattutto, non a distanza. È giusto rendere merito ai ragazzi: si sono assorbiti 4 settimane e più di allenamenti sui fondamentali senza vedere, nemmeno con il binocolo, uno ‘straccio’ di 1vs1 per non parlare di partitelle o qualcosa del genere. Vorrei dire loro una parola di conforto: questo sacrificio, questa innaturale condizione, porterà innumerevoli benefici nel futuro, anche prossimo. La soddisfazione più grande, è giusto ricordarlo, è stata quella di ripartire con tutti i bambini del minibasket: le resistenze non mancavano, ma l’adesione quasi totale delle famiglie – a cui va il ringraziamento per supporto e collaborazione – ha fatto sparire ogni indugio. Al momento, dopo un mese giusto di lavoro, abbiamo in pratica ripristinato tutti i corsi con più di 80 ragazzi e bambini che si alternano sulla piastra. Dalla prossima settimana, anche l’orario di allenamento rientrerà nella normalità: 60 minuti per il minibasket, 90 per il settore giovanile. I cori di gratitudine che salgono dalle famiglie ci danno la spinta ad andare avanti: infatti, sull’onda dell’entusiasmo, abbiamo organizzato un camp a luglio con firme di allenatori importanti. Non siamo insensibili: le parole, gli sguardi, i sorrisi di incoraggiamento ci fanno piacere, sono la benzina – o, meglio detto ecologicamente – la batteria che ci spinge a continuare. Rispondiamo sempre nello stesso modo: non siamo eroi, facciamo solo il nostro mestiere. Che, tra le altre cose, è perfino bello.

Livio Consonni 

RT Nuovo Basket 2000

Arrivederci al 2021

Purtroppo la 18^ edizione del torneo Internazionale nonché 15^ intitolata al compianto Agostino Muner è stata annullata per le note vicende legate al Coronavirus. È nostra intenzione tornare più forti e appassionati di prima con l’edizione di Pasqua 2021! Arrivederci quindi al prossimo anno e buona pallacanestro a tutti!

NUOVO BASKET 2000 

NUOVO BASKET 2000 GIÀ SUI BLOCCHI

 

Nella stagione del ventesimo anniversario, il Nuovo Basket 2000 si presenta ai nastri di partenza con idee e fatti molto chiari: sono già stati definiti i gruppi che parteciperanno ai campionati e, conseguentemente, gli staff tecnici preposti alla formazione tecnica dei giocatori. Entriamo nel dettaglio: in collaborazione con l’Aviano Basket saranno varate due formazioni, l’under 18 (annate 2002/3) e l’under 16 (annate 2004/5), guidate rispettivamente da coach Maurizio Marella e da coach Carlo Corradini. L’under 14 (annate 2006/7),  costruita in collaborazione con il Basket Villanova, parteciperà al campionato élite regionale e alla guida ci sarà coach Rino Puntin con l’assistenza di Luca Gelormini. L’under 13 (annate 2007/8) sarà affidata alle mani di coach Matteo Paludetto con l’assistenza di Dario Tushe. Gli esordienti (annate 2008/9) saranno guidati da coach Matteo Consonni con l’assistenza di Andrea Gri. Definiti anche i gruppi minibasket e relativi istruttori: gli asquilotti (annate 2009/10) saranno seguiti da Matteo Consonni e Dario Tushe. Gli scoiattoli (annate 2011/12), avranno come istruttori Andrea Gri e Michela Girardi. Mentre per i pulcini (annate 2013/14), confermatissimo il prof. Onofri con l’ausilio di Michela Girardi. Insomma, siamo in piena calura e pausa estiva, ma il Nuovo Basket è già pronto per offrire un prodotto di alta qualità formativa ai propri associati. Partenza prevista il 19 agosto per i 14 élite, mentre per i miniatleti l’appuntamento tradizionale e imperdibile è costituito dal Puffo Camp, quest’anno in programma nei giorni 3-4-5 settembre nei campetti dell’ex fiera. 

GRAZIE!

GRAZIE! Un’unica e semplice parola che racchiude quanto di piu’ grande è stato fatto, come ogni anno, per organizzare sotto ogni aspetto il Torneo appena conclusosi; grande collaborazione di persone appassionate di basket e non solo che hanno lavorato per poter preparare e curare ogni aspetto ed offrire uno spettacolo stupendo. Il gioco, il divertimento e la passione per lo sport ha accompagnato ed accomunato tutti i ragazzi che hanno partecipato alla manifestazione, non solo con il ruolo di giocatori, ma anche come accompagnatori e arbitri, portando ad un risultato meraviglioso che ci ha riempito cuore ed anima di Basket. Grazie ancora a tutti e ci rivediamo l’anno prossimo ancora con questo meraviglioso entusiasmo! (Stefy)

Un pensiero…

Le luci dei campi si sono spente e i palloni riposti nei contenitori metallici ma le emozioni che ogni volta regala questo torneo non trovano spazi per essere contenute.
Quest’anno per la prima volta le finali si sono svolte nel “salotto” del basket pordenonese. Devo essere sincero mi è dispiaciuto abbandonare invece la cucina (ex fiera) per utilizzare un’espressione Consoliniana. Luogo storico dove la pallacanestro si prepara, si impasta, si forma.
Ma le cose cambiano, si evolvono, migliorano.
Desidero ringraziare di cuore TUTTI coloro che hanno sostenuto, contribuito, adoperato, ospitato per rendere questa edizione così.
Sperando di continuare a godere del piacere di fare e di dare, auguro BUONA PASQUA e BUONA PALLACANESTRO
Dario Starnoni

 

TORNEO INTERNAZIONALE CITTA’ DI PORDENONE E MEMORIAL MUNER

 

Scatta oggi la 17° edizione del Torneo internazionale Città di Pordenone – 14° memorial Agostino Muner – evento organizzato dal Nuovo Basket 2000 e riservato alla categoria under 12, unica manifestazione in Italia riservata a questa categoria e che assume dunque ancora maggior importanza. S i gioca sino a domani su quattro campi , ex Fiera, Palacrisafulli, Villanova e Cordenons. Sedici i team partecipanti in rappresentanza di due regioni e sette province, oltre che dalla Slovenia: olimpia Lubiana, Petrarca Padova, San Stino di Livenza, San Donà, San Vendemmiano, Conegliano, Dinamo Gorizia, Sgt trieste, Azzurra Trieste, San daniele, Laipaco, Gonars, Cordovado, Villanova, 3/s Cordenons e i padroni di casa del Nuovo Basket 2000. Nel campo A, il Palacrisafulli, giocano Cordovado, Azzurra Trieste, San Vendemmiano e San Daniele. Nel B, ex Fiera di Via molinari, Nuovo Basket 2000, Petrarca Padova, Laipacco e San Donà. Nel C, a Cordenons, la 3/s, San Stino, Olimpija Lubiana e Gonars. Nel D a Villanova, Dinamo Gorizia, Conegliano Sgt Trieste e Villanova. Si parte con le partite eliminatorie alle 10 e 11:45 della mattina e quindi il pomeriggio alle 15:15 e 17:15, le finali dei vari gironi per decretare le posizioni dalla prima alla quarta, domani le varie finali dal primo al sedicesimo posto. Previste varie premiazioni collaterali.

Agostino Muner, cui il torneo è dedicato, è conosciuto nel mondo del basket come il padre di due cestisti, Matteo e Andrea –  che il torneo l’ha giocato e vinto nella prima edizione con il Nuovo Basket 2000 – oggi punto di forza del Sistema Pn in C silver. Agostino Muner fu a sua volta atleta, quindi ottimo esempio di dirigente sportivo. Nato a Venezia, laureato in chimica a padova, fu prima cestista con la Reyer, ma seppe mettersi in evidenza anche come tennista e nell’atletica leggera, dove ottenne le migliori prestazioni….

Articolo di Dario Darduin

Vi aspettiamo pertanto a sostenere le varie squadre e divertirvi, con questa spettacolare manifestazione, simbolo dello Sport sano e positivo per tutti. 

MINIBASKET RIPARTONO I CORSI DI FORMAZIONE

Finito il PUFFO CAMP siamo pronti per ripresentare i nuovo corsi di formazione al gioco del minibasket. I gruppi saranno formati secondo i vigenti regolamenti minibasket.

GRUPPO PULCINI nati 2012/13             MARTEDI’-GIOVEDI’ 17:00-18:00 EX FIERA (palestra piccola)

GRUPPO SCOIATTOLI nati 2010/11        MARTEDI’-GIOVEDI’ 18:00-19.00 EX FIERA (palestra piccola)

GRUPPO AQUILOTTI nati 2008/09         MARTEDI’-GIOVEDI’ 17.00-18.30 EX FIERA (palestra centrale)

SEGRETERIA per ISCRIZIONI/INFO         

MERCOLEDI’-GIOVEDI’-VENERDI’ 17:30 – 19:30 a partire dal 19/09/18 EX FIERA Via Molinari 37

GLI UNDER 13 RIPARTONO PER LA NUOVA STAGIONE

La squadra Under 13 del Nuovo Basket 2000 ripartirà il giorno lunedì 27 agosto presso il polisportivo comunale Gino Rossi (ex fiera) alle ore 17.00 e fino alle 18:30. Dopo tre anni di formazione con l’istruttore Simone Pizzioli e gli assistenti Mari Iannaccone e Dario Tusche (che non finiremo mai di ringraziare per il proficuo lavoro svolto), da quest’anno alla guida ci sarà Coach DS (Dario Starnoni) che dopo un anno di pausa (per quanto riguarda il settore giovanile) riprende una squadra giovanile insieme ai riconfernmatissimi Mari Iannaccone e Dario Tusche. A tutta la squadra e allo staff la società augura buona pallacanestro

LA 18° EDIZIONE DEL PUFFO CAMP APRE LA NUOVA STAGIONE DEL NUOVO BASKET 2000

A tutti i mini cestisti del nuovo basket 2000 e ai loro amici ecco la notizia tanto attesa: si ricomincia con il PUFFO CAMP tradizionale, storico, ed imitato avvio di stagione che contraddistingue l’attività di promozione e avviamento alla pallacanestro dell’A.S.D. Nuovo Basket 2000. Il camp si svolgerà nei giorni 05, 06, 07 SETTEMBRE 2018 presso i campetti esterni del polisportivo Gino Rossi (ex fiera) dalle ore 17:30 alle ore 19:00 e sono invitati a partecipare tutti i bimbi/e nati dal 2007 (esordienti), 2008/2009 (aquilotti), 2010/2011 (scoiattoli) 2012/2013 (pulcini) ma anche i 2014!!! Il camp è totalmente gratutito e al termine dello stesso verrà consegnato il programma con le giornate e orari di allenamento.

E allora cosa aspettate preparate le scarpe da basket, lo zainetto e venite ad iniziare a giocare con noi, ci saranno gli istruttori Alessandro, Michela, Matteo, Andrea, Dario, Mari a farvi scoprire questo meraviglioso gioco della PALLACANESTRO