Categoria: Eventi

sport missing

È sparito lo sport. Non esiste più. Spadafora, che se non altro ha avuto l’onestà di dichiarare la propria ignoranza in materia, è un lusso che non ci si può più permettere. Dalla mongolfiera che a fatica si alza da terra è stata gettata la prima inutile zavorra. Che problema c’è? Tanto in TV ci sono le coppe, le Olimpiadi invernali, la coppa Italia di basket: peccato che questi eventi vedano protagonisti lo 0,1 della popolazione, mentre il restante 99,99 si deve accontentare di una buona poltrona e, se fortunati, di una tazza di tè fumante (viste le temperature). È un messaggio chiaro, non nuovo per la verità, abituati come siamo a ricevere ‘conforto’ con pile di parole vuote al posto di vero ‘ristoro’, che sia sotto forma di idee, innovazione o contributo finanziario. Lo sport di base, quello pulsante, costituito da innumerevoli eserciti di dilettanti (la gran parte soggetti in età evolutiva), è abbandonato alla deriva, lasciato in balia delle onde, contenuto in una bottiglia che forse qualche postero raccoglierà sperando abbia più compassione dei brutali giorni correnti. Le associazioni sportive languono ma restano l’ultimo e unico presidio disponibile per la formazione delle generazioni future grazie alla proposta di attività motorie adeguate e ad una sana concezione della competitività. Forse è utile ricordarlo, se le ASD dovessero interrompere il funzionamento causa forza maggiore, inevitabilmente tutto il banco salterà in aria: non ci saranno nazionali e serie A, tantomeno Olimpiadi o campionati internazionali. Non si è visto alcun atleta professionista costruito in laboratorio: tutti i giocatori che vediamo correre e saltare dietro uno schermo sono il frutto di anni di lavoro trascorsi in oratorio, al campetto, in società sportive ai più sconosciute e ai margini dei riflettori mediatici. Per fortuna il talento sfugge ancora alla programmazione, si trova nascosto nei posti più impensati. Il ‘circo’, per andare avanti, ha bisogno di acrobati, trapezisti, saltimbanco: quando non si troveranno più, allora ci ricorderemo dello sport. Sperando, nel frattempo, i ‘buoi’ (ossia gli atleti) non siano già scappati altrove.

La legge del tutto o del nulla

‘Xe pèso el tacòn del buso’, per dirla in meneghel. Dopo due mesi di silenzio assordante – e, ancor più preoccupante, di malsano menefreghismo – esce la trovata del secolo: tra le categorie di ‘preminente’ interesse, oltre a quelle senior, ci sono le giovanili con finali nazionali annesse, tradotto, eccellenze ed élite. Società e squadre ‘blasonate’, che rappresentano il 10% del movimento, possono riprendere ad allenarsi: tutti gli altri in attesa di una liberatoria che, dalle previsioni, tarderà ad arrivare. Diamine, ci si può sempre allenare all’aperto: dunque, ci saranno atleti della stessa società sportiva che si guarderanno dalle vetrate. Chi al calduccio e su pavimento tenero, chi al freddo e al gelo, come il bambinello, con la neve sui bordi e il terreno rigido sotto i piedi. Chi potrà stare in albergo con tutti i confort annessi e chi dovrà accontentarsi di una mangiatoia con il bue e l’asinello. Sfugge a tutti il senso e la produttività di questa decisione: se la posta in gioco è determinata dall’aggettivo ‘preminente’, allora diventa cruciale declinarlo alla particolare situazione che sta vivendo la pallacanestro tricolore. Siamo proprio sicuri che il futuro del nostro sport tanto amato dipenda da quel 10% – per carità, costituito da ambienti fortemente organizzati e staff tecnici altamente professionali – e che si possa sacrificare sull’altare il restante 90 considerato ‘non preminente’? L’esperienza sul campo, che certamente non è tutto ma è indicativa, rivela che tra i due mondi, quello ‘eccellente’ e ‘non eccellente’, non esiste necessariamente un differenziale tecnico ma, soprattutto, vige un rapporto dinamico, fatto di continue porte girevoli, di ingressi e uscite, a testimonianza che le situazioni e i giocatori sono mutevoli, in continua evoluzione. Non è la prima volta che atleti considerati di livello nazionale siano finiti nel tempo nel dimenticatoio ed altri, inizialmente scartati, nell’Olimpo cestistico. Il sistema nervoso funziona con la legge del tutto o del nulla: anche in questo caso sarebbe stato meglio seguirne l’esempio. O tutti o nessuno. Che poi, proseguendo di questo passo, la distinzione tra A e B cadrà definitivamente: tra fughe e rinunce, il famoso aggettivo della discordia non avrà più senso di esistere. Tutti diventeranno nazionali. Finalmente. Pochi, ma nazionali.

2020

Ce ne ricorderemo. O forse no. In un modo o nell’altro. Dove non si è giocato, ci si è allenati a strappi, uno alla volta o in fila per due, con i palloni consumati e di proprietà, spesso di gomma. Dove la normalità è diventata eccezione. Dove l’amore per questo sport si è buttato nel fuoco. Dove stare fermi è stato considerato un atto di eroismo e solidarietà, mentre muoversi un gesto disumano, sconsiderato e sleale. Dove chi doveva prendere decisioni non le ha prese per comodità o codardia, e chi non doveva prenderle le ha prese, mettendoci la faccia e pagando di persona. Dove uno tra i beni più grandi, la salute, è stato scambiato per assenza di malattia. Dove si è fatta discriminazione fra le discipline sportive, additando quelle immuni e quelle contagiose. Dove i bambini e i ragazzi possono fare ginnastica alla mattina ma non allenamento di pomeriggio. Ce ne ricorderemo. O forse no. In un modo e nell’altro. Dove si è  riscoperto la bellezza di fare attività sportiva all’aperto, respirando a pieni polmoni e con soffitti policromi. Dove il rapporto istruttore/atleta si è riempito di contorni inediti, trasformandosi spesso in adulto/ragazzo. Dove la cura del particolare non è più possibile, ma necessaria. Dove ciascuno si è guardato dentro e ha fatto i propri conti: ne vale davvero ancora la pena? Vale davvero la pena ripetere infinite volte lo stesso movimento con o senza palla, escludendo a priori il contatto, la collaborazione, l’essenza stessa dello sport? Dove allo stantio incedere della routine formativa si è dovuto ricorrere all’invenzione, pescando nelle recondite qualità immaginative le scintille per accendere ciò che sembra spento. Dove si è potuto finalmente fare chiarezza tra ciò che è essenziale e ciò che è superfluo, rifinendo accuratamente tutte le sbavature che a volte contaminano la complicata arte dell’insegnare. Dove questa società sportiva ha festeggiato i suoi 20 anni di vita. Ce ne ricorderemo. O forse no. In un modo o nell’altro. Non è detto che siamo migliori di prima. Certamente diversi. E non è detto che sia peggio.

seconda stella a destra

Dipende: se l’intento è quello di non mollare la guardia e di continuare ad osservare alcune precauzioni, ci trova d’accordo. Se invece diventa un subdolo marchingegno per scoraggiare la libertà di iniziativa, non possiamo accettarlo. Il diritto dei bambini e dei ragazzi al divertimento attraverso la pratica sportiva è sacrosanto e noi, costi quel che costi, ce ne faremo carico. In sicurezza, ma senza esitazione. La strategia del terrore, che trova terreno fertile nel frullatore mediatico, si infrange contro la nostra determinazione nel proseguire la missione che ci è stata affidata: appassionare le nuove generazioni allo sport più bello, la pallacanestro. Inevitabilmente nel mondo, in Italia e, forse e purtroppo, anche qui vicino ci saranno ancora contagi, terapie intensive, decessi: non siamo freddi e cinici di fronte al perdurare pandemico. Tuttavia, fortemente avvertiamo la necessità di offrire un approdo nel mare in tempesta dove navigare a vista sembra la normalità e non l’eccezione. Per questo, per amore del nostro lavoro – inteso come professionalità, non come professione – e non per cieca follia, decidiamo di issare l’ancora e di lasciare immediatamente il porto. ‘Seconda stella a destra, questo è il cammino’. I piccoli avranno due settimane di gioco libero e gratuito all’aperto con il PUFFO CAMP – ritrovo tradizionale di settembre che quest’anno sarà speciale vista la ricorrenza del ventennale – i più grandi inizieranno a sudare in vista, speriamo quanto prima, di misurarsi con i coetanei. Lo sport, soprattutto per gli adolescenti, non è fatto solo di apprendimento, ma anche di confronto: se questo non sarà possibile, tutto sarà destinato a morire, lentamente ma inesorabilmente. Siamo gente di sport, siamo competitivi. Abbiamo imparato a soffrire sui campi: il dolore, gli infortuni, le sconfitte, le umiliazioni, la fatica. Abbiamo affrontato avversari più forti senza tirarci indietro. Il Covid non fa paura, la paura fa il Covid. Non sottovalutiamo, non neghiamo, ma nemmeno esitiamo. Qualcuno dovrà pure mostrare coraggio. 

PUFFO CAMP WINNER PLUS 2020

“ PUFFO WINNER CAMP 2020 “

SPECIAL EDITION 20 ANNI DI NUOVO BASKET 2000

NUOVO BASKET 2000 e SISTEMA BASKET offrono 2 settimane GRATUITE e aperte a TUTTI i bambini/e (annate dal 2010 al 2015) di pallacanestro e gioco all’aperto sulla piastra esterna, con grandi ospiti, innumerevoli sorprese e ricchi gadget. Sarà anche l’occasione per inaugurare i campetti che avranno un nuovo look cromatico.

Le giornate previste sono:

PRIMA SETTIMANA: martedì 1- mercoledì 2 – giovedì 3 SETTEMBRE 2020

SECONDA SETTIMANA mercoledì 9 – giovedì 10 – venerdì 11 SETTEMBRE 2020

Orario: 17.30-19.00

Viste le restrizioni da COVID 19 ancora in vigore, per iscriversi al “PUFFO WINNER CAMP” è necessaria la PRENOTAZIONE  scritta indicando PUFFO WINNER CAMP/nome/cognome/anno di nascita/tutte le settimane/ prima settimana/seconda settimana da inviare:

Whatsapp 334 3373207

e-mail:

nuovobasket2000@libero.it

presidente@sistemabasketpordenone.com

oppure posta privata pagine Facebook Nuovo Basket 2000/Sistema Basket

Attenzione! Posti disponibili in esaurimento 

IMPORTANTE: a posti esauriti verranno ugualmente accettate le iscrizioni e creata una lista d’attesa. In caso di rinuncia dare tempestiva comunicazione per consentire ad altri bambini/e di partecipare al camp.  

Al cuor non si comanda

Tra negazionisti e allarmisti, meglio i ragazzi. Sono loro il paradigma, il punto di partenza, il vero riferimento. Hanno bisogno di adulti impavidi, certo non di pazzi incoscienti, di qualcuno che li prenda forte per mano – metaforicamente purtroppo – e infonda messaggi di speranza. Se i grandi se la fanno sotto, come possiamo pensare che i piccoli ne vengano fuori indenni? Il mondo sportivo, in questa fase, ha un ruolo determinante: rendere normale ciò che sembra straordinario. L’attività fisica non è una componente aggiuntiva, ma essenziale: per arginare i possibili rischi di obesità, per rinforzare il sistema immunitario che, guarda caso, ha il compito di respingere gli attacchi virali. Cose buone e risapute. Ma c’è un altro aspetto, che se trascurato, può, a lungo andare, compromettere la salute – intesa in senso globale – degli adolescenti: dove, come e con chi potranno esprimere le loro emozioni? Le gambe possono andare nei parchi o nei sentieri di montagna, la testa può funzionare in qualsiasi posto, ma il cuore, sede dei sentimenti, come farà ad esprimersi senza un cinque alto, un abbraccio, una condivisione di gioia e dolore che solo l’agonismo può regalare? L’attesa spasmodica per la partita, il fischio dei tre minuti che indica la fine del riscaldamento, il pallone che entra nella retina, il fischio arbitrale ingiusto, la ramanzina del coach all’intervallo, le urla del pubblico – anche se le porte chiuse in alcuni casi non è detto siano un cattivo affare – la vittoria, la sconfitta, i supplementari, la doccia liberatoria. Sensazioni uniche che non si possono ricreare in laboratorio e che i surrogati tecnologici non possono minimamente riprodurre. Dove andranno i ragazzi a liberare le emozioni se lo sport rimane chiuso? Vostre altezze che avete potestà decisionale, signorie dello sport e delle federazioni, è il momento del coraggio: non saranno certo le competizioni, come il calcio dimostra, a diffondere il contagio. Utilizzando tutte le procedure e le precauzioni possibili, non sprecate altro tempo prezioso. Lo sport senza competizione non è sport: lo dice la parola stessa. Gli adulti possono competere con se stessi, i giovani hanno necessità di confrontarsi. Gli allarmi hanno identico valore: se c’è timore per l’epidemia, dobbiamo averlo anche per l’integrità delle nuove generazioni.

L’agonia di scuola e sport

Scuola e sport devono tornare a vivere secondo la propria natura. Per capirsi: se devo entrare in classe per non avere relazioni umane, tanto vale stare a casa; se devo allenarmi o giocare in assenza di fase agonistica, oppure tappandomi il naso e la bocca, meglio chiudere tutto e partecipare ai mondiali di e-basket, così tanto apprezzati in era pandemica. È possibile, per un periodo circoscritto, chiedere il sacrificio di apprendere i contenuti didattici attraverso uno schermo freddo o di praticare la pallacanestro attraverso la ripetizione, a secco, dei movimenti fondamentali della disciplina: ciò nonostante, la sopportazione ha giorni contati, non può che essere a tempo determinato, pena la morte per asfissia delle due istituzioni più significative – beninteso oltre la famiglia – nella formazione integrale dei giovani. Se non si vuole – ed è tutto da dimostrare – che il tempo dei ragazzi venga assorbito per intero da attività virtuali che favoriscono certamente l’area cognitiva ma trascurano inevitabilmente la dimensione fisica ed emozionale, occorre assumersi responsabilità e fare scelte conseguenti. Questo tirare a campare, questa lungaggine nell’indecisionismo, comporteranno effetti gravissimi per tutti gli operatori che a settembre dovranno rimettere in moto la macchina. Ci saranno nuovi contagi? Possibile. Ma non è logico e sensato rimanere fermi in base ad una preoccupazione. Ci sono focolai? Vero. Ma in quanto circoscritti, facilmente arginabili. Se c’è alluvione in Friuli Venezia Giulia, si fermano i campionati anche in Piemonte? Quando si apprende di colleghi che, per via di una certa età, vorrebbero insegnare precauzionalmente a distanza, sorge una domanda: non sono già abbastanza evidenti i rischi della professione? Gli attraversamenti pedonali, i genitori infuriati, i viaggi d’istruzione: insidie permanenti, il mestiere di educare non fa coppia con massima protezione. Questa è l’epoca del coraggio, da non confondersi con temerarietà: il temerario va all’assalto lancia in resta, il coraggioso affronta la realtà assumendo su di sé una dose di rischio. Stando immobili, ogni giorno che passa la scuola e lo sport si spengono: un’agonia lenta, ma inesorabile.

posti liberi

Per una volta, proviamo a mettere da parte le contrapposizioni. Un’idea, una proposta, un’iniziativa, non necessariamente devono rappresentare un pericolo. Lo sport insegna: le squadre che si affrontano non sono entità fatte per distruggersi, semmai il pretesto per tirare fuori il meglio che ciascuno ha dentro. Purtroppo a Pordenone, e non solo in ambito sportivo, spesso e volentieri ogni nascita viene considerata una minaccia per lo status quo. Giusto 20 anni fa, quando sorse il Nuovo Basket 2000, scoppiò un pandemonio: ‘cosa vogliono’, ‘è proprio necessario’, ‘ci sono già abbastanza associazioni in giro’, queste le frasi malevole ricorrenti. ‘Hanno rubato le primizie dell’orto’, quando, in realtà, se le stesse avessero perpetuato con i sistemi di coltivazione precedenti, sarebbe seccato tutto nel giro di qualche mese. Le novità fanno paura, perché rappresentano il cambiamento. Mantenere le posizioni, spartire il controllo, gestire l’esistente: ecco il sedativo perfetto, il tranquillante che placa la smania di mutazione. Gli accordi, eccetto le alleanze in stato di guerra, non si fanno contro qualcuno, ma per favorire la crescita, rifinire il grezzo, trasformare ciò che è ancora informe. Ben vengano tutte le iniziative volte a modificare ciò che sembra immutabile: a meno che, qualcuno si arroghi il diritto di pensare che non esista altra verità o soluzione al di fuori del proprio punto di vista. Non esiste monopolio nel mondo sportivo: esistono entità diverse che rispondono ad esigenze diverse. Pensare di intrappolare il variegato spettro di aspettative in un unico soggetto è sbagliato e fuorviante, oltre che antiquato. C’è posto per tutti e non sarà difficile capire in tempi brevi che la sopravvivenza di uno diventerà la salvezza altrui. Non solo: collaborare tra diversi diventerà la carta vincente. Se c’è qualcuno in pericolo, è proprio la pallacanestro di questi tempi: camminando tra le macerie e i cadaveri ammassati, scorgere qualcuno ancora in piedi disposto ad andare avanti dovrebbe riempire il cuore di speranza. 

 

Accordo di collaborazione tra NUOVO BASKET 2000 e SISTEMA BASKET PORDENONE

COMUNICATO CONGIUNTO 

Le ASD SISTEMA BASKET e NUOVO BASKET 2000 hanno siglato un accordo di collaborazione nell’intento di dare maggiore visibilità e consistenza al movimento della pallacanestro a PORDENONE unendo risorse umane, tecniche, organizzative ed economiche per lo sviluppo di questa disciplina sportiva così intimamente e storicamente legata alla città. 

Le necessità, per il SISTEMA BASKET, titolare della prima squadra attualmente partecipante al campionato di C GOLD, di avere un settore giovanile di riferimento a cui attingere, e per il NUOVO BASKET 2000, da vent’anni scuola di pallacanestro nel cuore cittadino, di favorire ai propri giovani atleti uno sbocco naturale verso la maturazione tecnica e il completamento formativo, si sono spontaneamente incontrate per dare vita ad un percorso che, negli anni, dovrebbe consentire, come è sempre stato, il lancio dei giocatori pordenonesi più promettenti nelle fila del team che rappresenta la città.

Consequenzialmente, il NUOVO BASKET 2000 diventa società satellite del SISTEMA BASKET; tutte le formazioni giovanili indosseranno l’identica divisa che riporterà il doppio logo a  simboleggiare l’avvenuto accordo nel rispetto delle diverse identità. Come immediata iniziativa, è stata allestita una formazione under 20 con i migliori prospetti che daranno linfa e profondità alla rosa della prima squadra pordenonese.

A breve, verranno resi pubblici tutti gli eventi legati a questa storica sinergia, a partire da inizio settembre dove sui campi all’aperto dell’EX FIERA si apriranno i festeggiamenti per i 20 anni di vita del NUOVO BASKET 2000. Tale circostanza, tra divertimento per i bambini e allenamento per i più grandi, sarà l’occasione formidabile perché i due mondi, junior e senior, si possano fisicamente incontrare e conoscersi, dando inizio ad un cammino fianco a fianco che, nella speranza di tutti, possa essere longevo e fruttuoso.

I paladini della salute

Quando si parla di salute, siamo tutti paladini. Lo sono gli uomini di scienza, i sanitari, i politici, gli insegnanti, i genitori, tutti coloro che ricoprono cariche istituzionali. Tutti aspirano, anche con una certa onestà intellettuale, alla salvaguardia del bene supremo: peccato che nella babele attuale si parlino lingue diverse e ci sia poca disponibilità alla traduzione. Dare credito a qualcuno è diventato un affare complicato: dovremmo fidarci degli incorreggibili che anche di fronte a dati incoraggianti continuano imperterriti nella diffusione di messaggi precauzionali e allarmistici oppure di chi, assumendo una certa dose di rischio e comunque attenendosi alle disposizioni , ha provato a rimboccarsi le maniche e reagire? Senza alcun dubbio, in questi casi la scelta migliore è stata e resterà sempre quella di stare fermi. Stando fermi non si sbaglia mai. Scegliere di non scegliere è pur sempre una scelta. Come Ponzio Pilato ha insegnato, lasciare che siano altri a prendere decisioni di vitale importanza significa mettersi al riparo non solo da possibili ingiurie collettive ma anche da gravi provvedimenti a proprio carico. Tuttavia, la storia è piena di uomini e donne che, incuranti di popolarità e incolumità, hanno sfidato la comodità propria e di chi gli stava accanto per difendere i propri ideali. Essere adulti significa prendersi responsabilità: non ė un atto dissennato aver dato la possibilità a ragazzi e bambini, pur seguendo protocolli rigidi, di vivere momenti di spensieratezza e divertimento attraverso lo sport che amano. La storia ci ha dato ragione: nessuno di loro era o è in pericolo. Anzi: se proprio vogliamo metterla in termini di salute (che, ricordiamo, è un concetto ampio, che non riguarda solo la sfera biologica), quella dei ragazzi è certamente migliorata. Degli elogi facciamo volentieri a meno, ma una cosa va detta se non altro in onore di chi si è messo a disposizione fin da maggio per questa singolare avventura: abbiamo avuto il coraggio che altri non hanno avuto. A proposito: non aspetteremo che la FIP si accordi con il politecnico di Torino per giocare 5 contro 5 (anzi 4 contro 4 per ragioni di distanziamento). Sono sufficienti l’ordinanza regionale del governatore e le linee guida della conferenza delle Regioni e Province Autonome. Abbiamo aspettato abbastanza. E ci prendiamo tutte le responsabilità.